Svastike

L’immagine è questa: il rimorchio di un camion con sopra una scritta fatta con vernice nera e pessima calligrafia: andate via zingari, segue una svastika.
Si tratta di una fotografia pubblicata sulla Nazione cronaca locale di Empoli. Accanto alla foto un breve articolo che parla dello sconcerto degli empolesi per questo episodio. Il camion si trovava lì per il tradizionale luna park cittadino. Giostrai che si trovavano lì per la fiera di paese.

Pago io il caffé per tutti e due. Oggi tocca a me.
Poi si sale sul furgone e riprendiamo il viaggio.

-Hai visto la foto della scritta?- Chiede Roma.
-Eh già…- rispondo io continuando a guardare la strada particolarmente transitata a quest’ora.
A Empoli non ci sono gruppi di nazisti organizzati e questa è una scritta che emerge dalla sempre più vasta e preoccupante e tutt’altro che neutra area del cretinismo giovanile.
-Che ne pensi?-
-Cretinismo giovanile- dico io.
-Sì… però…-
-Lo so, il cretinismo giovanile comincia a preoccupare anche me… Con il cretinismo giovanile vendi musica di merda prodotta dalla mafia con i soldi delle droghe vendute ai giovani che poi per sfogarsi diventano fascisti o fanno il verso ai fascisti (che poi è quasi la stessa cosa), stuprano la compagna di banco, poi s’indignano per i delinquenti stranieri ecc ecc… -continuo- il cretinismo giovanile non è come la pedofilia, o roba di questo genere, non è registrato come un problema sociale, sfuma beatamente nel disagio… e basta buttare tutto nel calderone della categoria adulta del disagio, vittime e carnefici… che si finisce per alzare le spalle.-
Sport nazionale l’alzata di spalle, insieme al calcio e all’indignazione generica.
-Il disagio c’entra…-
-Come no, lo so, voglio dire che non coincide… coloro che praticano cretinismo giovanile molesto, tipo bullismo, razzismo violenza e stupri, sono piuttosto agiati… Circondati di attenzioni, aspiranti veline, Smartphone e tutto il resto. Si tratta quasi sempre di piccoli borghesi esaltati o aspiranti tali. Che hanno introiettato il modello televisivo dell’imbecille onnipotente…
-Tipo?
-Tipo quello che si comporta come i beoti dei Reality, che ti aspetteresti che qualcuno chiamasse la neuro d’urgenza, invece finisce sotto la doccia con una in perizoma..
-Eh eh…
-E poi anche Hitler, a modo suo, soffriva di disagio giovanile…-
Non era mica vecchio Hitler quando si è buttato in politica. Era un ragazzo disagiato. Insomma se non proprio lui, le sue bande armate di sicuro.
Già, Hitler. Hitler e svastike.

Torniamo in modalità silenziosa. Una signora bionda di mezza età, con delle labbra che sembrano un canotto gonfiabile, sopra un enorme SUV, quasi brucia uno stop e ci taglia la strada. A stento la scansiamo e lei inveisce. Proprio così: inveisce.
Le deve sembrare inammissibile che un grosso, e costoso, SUV debba fermarsi allo stop per lasciare passare un piccolo e anonimo furgone. Davvero non si capisce chi le scriva le norme del codice stradale. Dei baluba comunisti di sicuro.
Non ci diamo nemmeno la pena di commentare a voce. Nessuno dei due. Solo scuotiamo la testa.

Svastike. Penso alle svastike e anche alla canzone “Svastiche” (che è notevole) e me la canticchio mentalmente.

Personalmente mi dispiace che la svastika sia ancora un simbolo nazista. Andrebbe riportato all’ovile.
Sì, questi rubano. Hanno sempre rubato. Soprattutto simboli. Fasci o nazi che siano, rubano. Anche perché se uno di loro fosse in grado di elaborare qualcosa di proprio non sarebbe fascista o nazista.

Hitler in un discorso se ne vantava di questa razzia simbolica. Diceva che il nazional socialismo era un movimento che non intendeva abolire il capitalismo (no, direi proprio di no) però la parola socialismo andava portata a casa, e anche il colore rosso e il nero ecc ecc.
Avete mai visto i filmati del riech a colori? Un tripudio di rosso, bianco, nero e oro. Molto oro pure.
Cosa sarebbe stato il nazismo senza la svastika?

Però la svastika è vecchia di migliaia di anni ed è un simbolo di rotazione solare, comune nell’induismo e nel buddismo, ma è praticamente universale, presente in tutte le culture antiche. E’ un peccato che l’abbiano fregata un manipolo di delinquenti con il pallino della politica.

La svastika dovrebbe essere un simbolo di pace e fratellanza.
Una volta ho visto su un libro di tatuaggi la foto di un vecchio hippie che si era tatuato centinaia di svastike su tutto il corpo. Svastike di ogni tipo.
Beh, lui diceva che la svastika è un simbolo che non sarà mai intaccato dall’uso distorto che per un brevissimo periodo di tempo è stato fatto dal nazismo.
Sarà. Ma quando la vedo mi viene a mente il nazismo e non Shiva.

Poi c’hanno marciato i nazi su questa storia. Non erano pochi quelli che tifavano per Hitler in India, visto come un eroe dell’arianesimo (e naturalmente un nemico della Gran Bretagna).

Ci sono anche svastiche “anti fasciste”. Come la svastica basca, che è tondeggiante e per la storia di quel popolo non può essere certo affiancata al nazismo.
Poi le svastike bruciano sopra le bandiere di Israele o quelle degli USA nelle adunanze d’odio dei paesi islamici…
Svastiche/ Le svastiche circondano il tuo muro fingendo di sapere quanto è vero. Canticchio tra me e me.

-A che pensi?
-Che mi piacerebbe che la croce celtica ritornasse ai morti irlandesi e la svastica ai religiosi indiani…-
Tutto qui.

Gianni :::Settembre 2012:::

This entry was posted in Generale, Racconti and tagged , , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *