Lingua e politica

Tutte le questioni sono politiche e la politica stessa è una massa di menzogne, di scappatoie, di follia, di odio e di schizofrenia. Quando l’atmosfera generale è brutta, il linguaggio ne soffre. E’ probabile -è un’ipotesi che non posso verificare- che le lingue tedesca, russa e italiana si siano tutte degradate nei dieci o quindici ultimi anni, in seguito alla dittatura.

[…]
La parola fascismo oggi non ha significato se non in quanto indica “qualcosa di non desiderabile”. Le parole democrazia, socialismo, libertà, patriottico, realistico, giustizia, hanno tutte molti diversi significati che non si conciliano tra loro. Nel caso di una parola come “democrazia” non solo non esiste una definizione condivisa ma il tentativo di costruirne una trova resistenze da ogni parte. È sentimento quasi universale che quando definiamo “democratica” una nazione la stiamo lodando: di conseguenza i difensori di qualunque regime proclamano che esso è una democrazia e temono che dovrebbero smettere di usare questa parola se le fosse dato un significato univoco. Le parole di questo genere sono spesso usate in maniera consapevolmente disonesta. Vale a dire, la persona che le utilizza ha una sua propria definizione ma lascia che chi ascolta pensi che intende qualcosa di diverso. Affermazioni come Il maresciallo Petain fu un vero patriota, La stampa sovietica è la più libera del mondo, La Chiesa cattolica è contraria alla persecuzione sono quasi sempre fatte con l’intento di ingannare. Altre parole usate con significati variabili, nella maggior parte dei casi più o meno disonestamente, sono: classe, totalitario, scienza, progressista, reazionario, borghese, uguaglianza.

George Orwell – La politica e la lingua inglese (1946)

Una versione scaricabile

This entry was posted in General and tagged , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *